Il ‘500 di Busto negli affreschi della chiesa vecchia di Sacconago

chiesa vecchia visita

BUSTO ARSIZIO – Una chicca della storia e dell’arte del Cinquecento bustocco che va conosciuta. E per divulgare una pagina della nostra cultura l’assessorato all’Identità e precisamente il servizio didattico del Comune ha organizzato due visite guidate alla chiesa vecchia di Sacconago. Ha colto l’opportunità inserendo l’iniziativa nell’ambito della kermesse che in questo weekend sta animando il cuore del rione. Ha affidato all’operatrice didattica, museale e territoriale Erika Montedoro l’incarico di cicerone alla scoperta di affreschi nascosti tra le mura dell’antico tempio sacro.
Brava e coinvolgente l’operatrice comunale. Purtopppo questo pomeriggio, sabato 1 settembre, colpa probabilmente di Giove pluvio, la gente si è fatta attendere. Comunque anche con un drappello di una quindicina di visitatori, è stato piacevole passeggiare per la navata della chiesa, entrare nell’edificio cinquecentesco, ammirare il meraviglioso ciclo di affreschi e scoprire notizie che i più non sanno. Ad accompagnare i visitatori anche l’assessore alla Cultura Manuela Maffioli, mentre a far gli onori di casa il presidente dell’associazione commercianti del rione Paolo Crespi. La visita guidata viene replicata domani domenica 2 settembre alle 16.chiesa vecchia visita

Un pregevole ciclo di pitture

Erika Montedoro ha spiegato le origini dell’edificio, nato su una cappella preesistente e sviluppatosi poi tra il IX e l’XI secolo come chiesa altomedievale ampliatasi successivamente nel 1500. Ed è questa la pagina più significativa che è stata portata alla luce a partire dal 2005 con il restauro della sagrestia. La vecchia chiesa cinquecentesca nascondeva unici affreschi che però erano stati coperti nel corso degli anni con strati di calce e qui era stata ricavata la sagrestia. Sono stati poi i lavori effettuati dallo studio Gregorio e coordinati dall’architetto Augusto Spada che hanno riportato alla luce splendidi affreschi, una volta a ombrello con otto spicchi tipici del Rinascimento e raffiguranti gli evangelisti, lo Spirito Santo, il Padre eterno, due angeli, Sant’Ambrogio e San Pietro. La parete prosegue poi con dipinti che ritraggono l’adorazione e il corteo dei magi. Preziosa pure la cappella laterale dedicata alla purificazione di Maria, l’immagine di Santa Caterina di Alessandria d’Egitto e un arco con un angelo con in mano il giglio.
La chiesa vecchia di Sacconago è anche meta di numerose visite guidate da parte delle scuole.

Chiesa vecchia visita – MALPENSA 24