Cassano, 1800 firme contro lo spostamento della farmacia

comitato farmacia cassano

CASSANO MAGNAGO – Sono state raccolte oltre 1800 firme da recapitare all’amministrazione comunale affinché non venga spostata la farmacia del rione San Giulio a Cassano Magnago. Una mobilitazione che ha coinvolto in massa i cittadini, che hanno espresso il loro dissenso perché fortemente contrari verso una scelta che danneggia pesantemente il centro storico cittadino e gli utenti della farmacia.

La mobilitazione continua

Si è appena conclusa la raccolta firme organizzata dal comitato cittadino “Farmacia non andare via” che si oppone allo spostamento della farmacia comunale di Cassano Magnago, con oltre 1800 adesioni raccolte e recapitate all’amministrazione comunale con la richiesta di soprassedere all’annunciato trasferimento della farmacia comunale. Come confermano i membri del comitato, sentimento diffuso tra i cittadini è «un forte disappunto per le motivazioni puramente economiche addotte per giustificare una scelta che danneggia pesantemente i cittadini del rione San Giulio e della vasta zona al confine con Bolladello». L’opposizione da parte dei cittadini prosegue anche con altre iniziative: alcuni hanno appeso alle loro finestre o presso i loro esercizi commerciali degli striscioni con la richiesta di non spostare la farmacia.

Comune dalla parte dei cittadini

Il Comitato ha anche iniziato a distribuire, già prima delle vacanze di Natale, un volantino in cui si mettono in risalto le problematiche che si verrebbero a creare sottraendo al centro storico un punto di riferimento per i cittadin: la farmacia, oltre ad essere un importante e basilare servizio, soprattutto per le persone più anziane, crea delle condizioni di socializzazione fondamentali per la rivitalizzazione del centro storico. Si evidenzia anche che nel quartiere di San Giulio e nelle immediate vicinanze, vi sono vari studi medici, ed i cittadini che vi si recano, trovano oggi di grande comodità poter acquistare i farmaci nella farmacia comunale di San Giulio , senza essere costretti a spostarsi in altre zone della città, il che causerebbe anche un aumento del traffico. «Ribadiamo quindi ancora una volta la contrarietà dei cittadini cassanesi ad una scelta fatta senza tenere conto dei gravi disagi che si andranno a creare – continua il comitato – senza tralasciare chi semplicemente vuole che il centro storico continui a vivere». La richiesta è che «l’amministrazione comunale dimostri di essere dalla parte dei cittadini, abbandonando valutazioni economiche la cui attendibilità è tutta da dimostrare, e spinga invece la dirigenza della municipalizzata, di cui detiene l’intero capitale, ad investire nella valorizzazione della attuale collocazione della farmacia comunale di San Giulio».

comitato farmacia cassano -MALPENSA24