Elezioni a Legnano, nel centrodestra spunta il nome di Locati. Lega: «Bufala»

legnano lega commissario emergenza

LEGNANO – C’è un nome nuovo fra i papabili per il ruolo di candidato sindaco nel centrodestra legnanese: è quello di Piermarco Locati, ex medico dell’ospedale di Legnano, dov’era primario del reparto di chirurgia vascolare, oggi in pensione e past president del Lions Club Legnano Host. A suo favore giocano alcuni elementi, altri contro. Locati è un “civico”, nel senso che non ha tessere di partito: potrebbe essere la persona ideale da mettere a capo di una lista formata a sua immagine e misura e appoggiata da Lega, FI e FdI nella corsa a Palazzo Malinverni. Soprattutto, è persona conosciuta, stimata e rimasta al di fuori della maggioranza che sosteneva Gianbattista Fratus: dunque irreprensibile.

Ipotesi già emersa (e scartata) tre anni anni fa

Tutto deciso, dunque? Macchè. Perché ci sono, come accennato, anche seri dubbi sulla sua candidatura. Il primo è che il nome di Locati fu speso già tre anni fa e scartato proprio a favore di Fratus. Fu la Lega a mettersi di traverso e a imporre l’attuale segretario provinciale. Inoltre, la stessa Lega non sembra affatto disposta ad aprirgli le porte al secondo tentativo. Interpellato al riguardo da Malpensa24, il segretario cittadino del partito di Salvini, Mirko Gramegna, liquida l’ipotesi-Locati come «una bufala». A quando allora il nome del vero candidato del centrodestra? «Alla fine del mese» risponde sibillino Gramegna, che allunga così i tempi, inizialmente fissati alla metà di febbraio.

Una candidatura delicata inserita in un’ampia partita

Quel che è certo è che la maggioranza uscente è l’unica a non aver ancora indicato un proprio candidato, quando mancano un centinaio di giorni dalla data presunta del voto. Ogni giorno che passa senza conferme, si indebolisce via via l’ipotesi legata a Carolina Toia, ma anche le quotazioni di Roberta Paparatto (Forza Italia) e Maira Cacucci (Fratelli d’Italia) non registrano rialzi. Legnano si conferma sempre più pedina di una partita più ampia, che comprende il rinnovo delle Amministrazioni nelle maggiori città dell’Alto Milanese e della provincia di Varese, a partire dal capoluogo. Un risiko politico-amministrativo giocato tutto in senso al centrodestra e in cui rientrano, nel Legnanese, anche Parabiago e, da pochi giorni, Cuggiono.

legnano elezioni centrodestra sindaco – MALPENSA24