Riapre la storica pista di motocross ad Arsago. La proprietà: «Sogno il Fast Cross»

pista arsago fast cross

ARSAGO SEPRIO – Non sarà soltanto una pista da cross, ma un centro polifunzionale adatto a diverse discipline sportive nonché ad attività didattiche e di divertimento per le scuole e le famiglie. Esce allo scoperto Fabio Tognella, Marketing Manager Sdm, proprietario da circa un anno dello storico crossdromo di Arsago Seprio chiuso ormai da oltre due decenni. In un’intervista rilasciata a Motocross.it parla dei suoi progetti e di un sogno: «Un giorno spero di poter replicare una manifestazione similare al grande Fast Cross».

Gli anni del Fast Cross

Il Fast cross era un evento tanto sentito negli Anni Ottanta da richiamare ad Arsago fino a 18mila persone per il weekend di gare (le foto di repertorio sono tratte dal forum mxbars). Su quella terra vennero organizzati anche i Mondiali, il Poker cross e la prestigiosa Coupe de l’Avenir. Il nome di Arsago divenne noto grazie a quelle gare internazionali che richiamavano appassionati e campioni da tutto il mondo. Dopodiché l’oblio. Ora la nuova proprietà è già al lavoro per ripulire l’area dai rifiuti che si sono accumulati negli anni ed eliminare la natura infestante che in tanto tempo di inattività ha in molti punti cancellato il percorso. Il tracciato originale, spiega Tognella, subirà in ogni caso delle modifiche, in base ai nuovi standard richiesti e alle attuali esigenze di riconversione.

Tempi incerti

Tognella non si sbilancia sui tempi di recupero, sottolineando le difficoltà burocratiche per il recupero di un’area così grande che, oltretutto, ricade all’interno del Parco del Ticino e dunque ha vincoli ancora più stringenti. Di certo, dice, il motocross sarà soltanto una delle attività che verranno svolte all’interno. Per questo motivo, rende noto da subito, non sarà una pista aperta agli allenamenti settimanali.

pista arsago fast cross – MALPENSA24