Farioli: Antonelli non parlava di me

caliendo taldone farioli

Da liberale ho sempre coltivato il massimo rispetto per tutti i media. Non sono solito quindi intervenire su letture , interpretazioni od opinioni legittime di giornalisti . Ma proprio perché , pur spesso da posizioni non collimanti, stimo gli amici di Mxp 24 per la loro arguzia spesso fine e lungimirante mi corre oggi l’obbligo di contestare una lettura palesemente erronea . Come infatti interpretare il post di oggi del sindaco di Busto Arsizio come un attacco al suo predecessore o, peggio, al suo attuale assessore ? Essendo in entrambi i casi personalmente coinvolto credo di poter affermare che nella fattispecie una lettura maliziosa ed , ictu oculi , stravagante.

Come sapete non sono frequentatore abituale dei social nè aduso ai selfie. Lungi da me rivendicare meriti o primogeniture . Ma come negare che è proprio il sindaco Antonelli , noto per essere franco e diretto a indicare come elemento essenziale del perseguire l’obiettivo ingegnarsi destinare tempo energie e risorse e persone giuste . E come quindi non ricordare che la prima proposta dal sottoscritta formulata dopo la nomina ad assessore all’educazione e infrastrutture scolastiche dopo un tavolo urgente con i dirigenti scolastici è stato proprio un piano organico per la sicurezza formale e sostanziale degli edifici scolastici ? Come dimenticare l’imponente lavoro di squadra collegiale e coordinato dall’assessorato, dai Ll.pp , da Agesp teso ad ottenere e postare le adeguate risorse premiato dalla vittoria dei bandi regionali . Come dimenticare poi l’improvviso stop alle procedure determinato dal blocco imposto dal governo giallo verde dal settembre 2018 al maggio 2019 che ha costretto a rivedere cronoprogrammi e rivedere tempi e modalità lavori per renderli compatibili anche con l’anno scolastico in corso e non più resi possibili nei periodi di chiusura ? Ma soprattutto come rendere compatibile la vostra lettura con la riconferma  al sottoscritto, pur in una complessiva ridefinizione degli incarichi , delle deleghe di cui sopra .

Un sindaco come Antonelli che certo non accetta diktat nè a cui peraltro noi mai ne abbiamo posti , non si sarebbe certo posto dietro ambigue affermazioni o letture tra le righe . Mai insomma avrebbe nominato Dracula alla presidenza dell’Avis . Non credo infine ci posss essere nè ci sia alcun derby tra la presente e la passata amministrazione e non credo nessuno lo voglia giocare .

Sarebbe oggi 14 agosto e per me juventino come la tradizionale festa in famiglia di Villar Perosa. Ho avuto l’onore la grazia è il dono di essere sindaco della Città che amo per dieci anni . Del buono , sancito anche da tre gratificanti riscontri elettorali , condivido meriti e soddisfazioni con tutti i collaboratori dai più umili ai dirigenti segretari assessori amministratori delle partecipate e anche da quella splendida rete di individui associazioni imprese e realtà laiche e religiose con cui molto abbiamo progettato e molto reso possibile .

Degli inevitabili limiti o mancanze , da timoniere , non posso che assumermi ogni eventuale responsabilità . Si può sempre fare meglio e di più. Oggi da politico assessore cittadino amante della sua Città non posso che augurarmelo e , possibilmente, non limitarmi soltanto a fare il tifo . Grazie e buon ferragosto .

Gigi Farioli
già sindaco e attuale assessore di Busto Arsizio

***

A chi si riferiva Emanuele Antonelli affermando che negli ultimi anni ci sono state scarse manutenzioni sugli edifici scolastici di Busto Arsizio? Secondo Gigi Farioli,  Malpensa24 non l’ha capito. Ma il sindaco che ha preceduto l’attuale amministrazione era lui, non un altro.

farioli antonelli scuole manutenzioni – MALPENSA24