Fontana un anno dopo: “Abbiamo cercato di dare risposte concrete”

fontana salvini di maio autonomia

MILANO – “Molto positivo”. Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha definito il primo anno di legislatura sotto la sua guida (è stato eletto il 4 marzo dello scorso anno). “Abbiamo trattato tanti argomenti importanti – ha detto a margine della conferenza stampa del dopo giunta a Milano – cercando di dare risposte alle situazioni più delicate: il trasporto su ferro, ad esempio, e la riorganizzazione societaria di Trenord; abbiamo cercato di essere vicini ai più deboli e alle esigenze maggiormente ‘sentite’. Abbiamo messo mano alla sanità e stiamo cercando di dare risposte in più ambiti. Stiamo cercando di risolvere i problemi di Pedemontana e dovremmo essere alla fine del percorso per far ripartire i cantieri. Abbiamo dato il via libera all’autostrada Cremona- Mantova e a due nuovi ospedali (Il nuovo San Carlo/San Paolo nel capoluogo e il polo ospedaliero unico di Busto Arsizio e Gallarate, ndr)”.

“Una squadra che funziona”

Secondo il presidente Fontana, la Giunta regionale sta quindi cercando di dare risposte a tutte le necessità, grandi e piccole, del territorio. Questo grazie anche ad una squadra “coesa e che sta funzionando bene” “Abbiamo voglia – ha concluso – di affrontare e risolvere le ulteriori questioni che si presenteranno”. Tra queste, quelle politiche. Squadra coesa, dice giustamente Fontana benché da alcuni settori del centrodestra si prema per un rimpasto che ristabilisca gli equilibri politici. Sia da Forza Italia sia dalla Lega arrivano tensioni che in qualche modo agitano la coalizione. Nulla di traumatico, al momento, ma qualcosa che potrebbe avere sviluppi in futuro. Prova ne è il voto che ha penalizzato la maggioranza duerante il consiglio regionale di settimana scorsa sulle questioni ambientali.

Fontana regione risposte – MALPENSA24