Gallarate, l’ultimatum di Cassani ha funzionato. I sinti lasciano via Lazzaretto

sinti gallarate cecile

GALLARATE – I sinti lasciano via Lazzaretto. Le due roulotte erano tornate alcuni giorni fa accanto all’area sgomberata nel novembre 2018 (foto d’archivio) dopo una lunga trattativa e accese polemiche. Il sindaco Andrea Cassani giovedì scorso aveva dato un ultimatum chiaro: le roulotte lì non ci dovevano stare (come non ci sarebbero dovute stare in precedenza), da via Lazzaretto si sarebbero dovute spostare, se necessario, anche con l’intervento delle forze di polizia così come già avvenuto in passato.

No agli accampamenti permanenti

Non si è reso necessario l’arrivo delle forze dell’ordine. Nel pomeriggio di ieri, domenica 6 settembre, la polizia locale gallaratese aveva notato dei movimenti nell’area. Le roulotte erano pronte ad andarsene senza bisogno di uno sgombero coatto. Il primo cittadino ottiene il risultato sperato senza necessità di azioni eclatanti. Resta da capire cosa succederà adesso. Le due roulotte non hanno infatti lasciato il territorio gallaratese. In base al codice stradale, sempre citato dal sindaco Cassani, le roulotte possono muoversi in città cambiando però area di sosta ogni giorno, in modo che la loro presenza non si trasformi in un accampamento permanente. Ed è questo l’obbiettivo perseguito e raggiunto dal primo cittadino.

Ultimatum ai Sinti: 24 ore di tempo per (ri)andarsene da Cedrate

gallarate cassano sinti lazzaretto – MALPENSA24