Pro Patria al buio nel Monday Night, la Juventus B ringrazia: 2-0

pro patria juventus

ALESSANDRIA – Nel posticipo tv della quinta giornata del girone A di serie C, la Pro Patria – di scena in maglia verde allo stadio “Moccagatta” di Alessandria davanti al vice presidente bianconero Pavel Nedved – incappa nella terza sconfitta consecutiva (in altrettante trasferte), venendo piegata per 2-0 dalla Juventus B, squadra composta da Under 23. Un risultato magari ingeneroso, e per certi versi anche ingiusto (ennesimo gol annullato ai biancoblù, stavolta per un dubbio offside), ma che rispecchia il momento delicato e storto dei tigrotti di Javorcic, puniti ancora una volta nella ripresa (è il settimo gol incassato nei secondi tempi). Un copione purtroppo già visto e rivisto (fotogallery GioGara) , con errori, regali ed episodi che, sul fronte bustocco, iniziano a farsi sentire: sul morale e soprattutto sulla classifica.

Terminal

1-0 (47′) – Azione in verticale della Juventus, con la combinazione stretta fra Kastanos Bunino e Pereira: il brasiliano legge l’inserimento di Tourè che, davanti a Mangano, trova il gol del vantaggio con un tocco sotto. La rete del tedesco di colore della Juve vale il fin lì immeritato vantaggio dei bianconeri, a segno al primo affondo dopo che nel primo tempo Le Noci aveva avuto l’occasione per sbloccare il risultato, senza però riuscire a sfruttare un retropassaggio difensivo errato.

2-0 (80′) – Dopo un gol annullato al 65′ alla Pro Patria per un dubbio offside segnalato a Molnar (avventatosi sulla corta respinta del portiere bianconero sul colpo di testa di Santana), la Juventus trova il gol che chiude la partita: sugli sviluppi di un angolo, Pereira prova la conclusione mancina dalla lunga distanza, su cui Mangano commette un erroraccio.

Check-in

La contemporaneità fra il posticipo con la Juve ad Alessandria e la cerimonia di premiazione a Brescia della “panchina d’oro 2018” ha impedito al tecnico dei biancoblù Ivan Javorcic di ritirare di persona il prestigioso e meritato riconoscimento. Se dunque in un “monday night” nero per il risultato, il primo pensiero va di diritto al trainer croato, chiamato a risollevare le sorti di una Pro Patria incappata nella terza battuta d’arresto di fila, il secondo va doverosamente alla memoria del grande tigrotto Lello Crespi, i cui funerali verranno celebrati martedì mattina a Parabiago. Ad Alessandria i tigrotti non sono purtroppo riusciti a regalargli una gioia, ma lo faranno presto.

Check-out

Tralasciando l’oramai atavica maledizione tv, con i tigrotti vittoriosi in una sola occasione davanti alle telecamere di “Mamma Rai”, e tralasciando anche l’errore di Mangano, anche lui in un momento delicato, ci soffermiamo su un altro aspetto negativo. Che programmazione ed orari delle partite di serie C fossero pro-streaming e anti-tifosi da stadio non lo scopriamo certo oggi. Ma fa sempre un certo effetto constatare che il tifoso della Pro Patria, nel mese di ottobre, dovrà abituarsi a fare le ore piccole se vorrà seguire dal vivo i suoi amati tigrotti, dato che Santana e compagni – da calendario – saranno sempre di scena in notturna (calcio d’inizio alle ore 20.30). La società biancoblu ha però già fatto sapere di aver ottenuto, proprio in giornata, l’ok dalla LegaPro per anticipare alle ore 16.30 la gara di domenica 14 ottobre con la Pro Vercelli (e verosimilmente farà lo stesso per la gara casalinga di domenica 21 ottobre allo “Speroni” col Piacenza). Ma a questo punto la domanda viene spontanea: che senso ha programmare partite di domenica sera, per poi chiedere l’anticipo pomeridiano? Misteri del sempre più incomprensibile calcio moderno.

Boarding

Juventus B-Pro Patria: 2-0  (0-0)
Marcatori: 2′ s.t. Tourè (JUV), 35′ s.t. Pereira (JUV)
JUVENTUS U23 (3-4-3): 1 Del Favero; 2 Andersson, 13 Alcibiade, 24 Coccolo; 18 Di Pardo (24′ s.t. 19 Morelli), 6 Toure (8′ s.t. 5 Muratore), 8 Kastanos, 20 Beruatto; 10 Pereira Da Silva (37′ s.t. 14 Olivieri), 9 Bunino (24′ s.t. 11 Mavididi), 17 Zanimacchia (8′ s.t. 7 Emmanuello). A disposizione: 22 Franco, 30 Nocchi, 3 Zappa, 16 Nicolussi Caviglia, 25 Pozzebon, 27 Kameraj, 31 Cappellini. All. Zironelli.
PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 12 Mangano; 5 Molnar, 4 Battistini, 18 Lombardoni; 20 Mora, 21 Colombo (12′ s.t. 16 Fietta), 14 Bertoni (25′ s.t. 13 Gazo), 24 Pedone (25′ s.t. 9 Gucci), 3 Galli (25′ s.t. 25 Sane); 17 Mastroianni (16′ s.t. 11 Santana), 10 Le Noci. A disposizione: 1 Tornaghi, 2 Marcone, 7 Pllumbaj, 8 Di Sabato, 15 Boffelli, 23 Ghioldi. All. Javorcic.
ARBITRO: Nicolò Marini di Trieste (Federico Polo-grillo di Pordenone – Thomas Miniutti di Maniago).

 

From to… Speroni

Casa dolce casa. Dopo tre trasferte consecutive (Olbia, Pontedera con la Carrarese ed Alessandria con la Juventus B), la Pro Patria nel prossimo turno ritornerà finalmente a Busto.  A distanza di quasi un mese dell’esordio vincente con la Pistoiese (19 settembre) i tigrotti di Javorcic domenica 14 ottobre riceveranno al “Carlo Speroni” la visita della Pro Vercelli (già affrontata in amichevole al “Piola” nel precampionato) per una sfida – fra tigrotti e le bianche casacche – ricca di storia e fascino (i biancoblù potranno finalmente indossare la gloriosa maglia). L’incontro, sulla carta inizialmente fissato per le ore 20.30, è stato invece anticipato – d’intesa fra le due società e la Lega – al pomeriggio, con calcio d’inizio alle ore 16.30.

pro patria  monday night juventus B  – MALPENSA24