Coronavirus, è panico. Anche in provincia di Varese assalto ai supermercati

coronavirus panico supermercati assalto
Lunhe code alle casse dei supermercati

MILANO –  Maria Rita Gismondo, direttore del laboratorio di Microbiologia Clinica dell’ospedale Sacco, invita ad abbassare i toni rispetto al coronavirus: “A me sembra una follia: qui si è scambiata un’infezione appena più seria di una influenza per una pandemia, ma non è così”. Le risponde Roberto Burioni, uno dei massimi esperti virologi: “Influenza? Scemenza gigantesca: i numeri dicono altro”. Chi ha ragione? Una contrapposizione che non aiuta a capire né, tanto meno, a rasserenare.

Scenario allarmante

Situazione allarmante anche per i drastici provvedimenti della Regione Lombardia, tesi a contenere la diffusione del Covid-19, che si trasmette velocemente. Un contesto che finisce per generare molto più della semplice preoccupazione collettiva, sconfinando in molti casi nel panico. Di sicuro non è il caso, anche perché i divieti imposti dall’ordinanza firmata dal governatore Attilio Fontana hanno soltanto scopo precauzionale, e così dovrebbero essere interpretati. Divieti pesanti, quanto necessari e, si spera, limitati nel tempo.,

coronavirus panico supermercati assalto
Scaffali subito vuoti nei supermercati della provincia di Varese

Una società fragile

Nel frattempo però, è cominciata la corsa agli approvvigionamenti di generi di prima necessità, come pasta e carne. I supermercati sono letteralmente presi d’assalto, a conferma della grande paura che si va diffondendo tra la gente. Lunghe code alla casse, scaffali che si svuotano rapidamente. “Non si sa mai” è la giustificazione delle persone che oggi, domenica 23 febbraio, hanno affollato i centri commerciali anche in provincia di Varese, come mai era accaduto, nemmeno nei giorni precedenti il Natale. Il “coprifuoco” nei paesi dove si è sviluppato il focolaio principale, con l’invito a rimanere chiusi in casa e la proibizione ad entrare e uscire dai confini comunali, è il motivo scatenante: si teme che ciò possa accadere anche altrove. “Siamo una società fragile” scrive Beppe Severgnini sul Corriere della Sera. Come dargli torto?

coronavirus panico supermercati assalto – MALPENSA24