Futura, piove sul bagnato: stagione finita per Sartori

BUSTO ARSIZIO“Potrebbe andare peggio, potrebbe piovere!” – diceva Marty Feldmann a Gene Wilder nel capolavoro Frankenstein Junior. Tra febbri, infortuni, tamponi e virus la Futura Volley Giovani Busto Arsizio sembrava già bersagliata da tutte le sfortune possibili. Eppure ha iniziato davvero a piovere sul bagnato: Benedetta Sartori, centrale biancorossa, si è rotta il legamento crociato ed ha praticamente chiuso a ottobre la propria stagione. Un problema non da poco per Matteo Lucchini.

Il comunicato

In attesa di conoscere esiti e controesiti dei tamponi effettuati negli ultimi giorni, per chiarire così le cause dei casi di febbre che hanno portato al rinvio precauzionale di Busto-Olbia (i risultati finora consegnati non hanno riscontrato episodi di positività al Covid-19), una tegola si abbatte sulla Futura Volley Giovani: la risonanza magnetica effettuata da Benedetta Sartori, infortunatasi al ginocchio nel corso della scorsa settimana, ha evidenziato la rottura del legamento crociato. Questo brutto incidente pone fine alla stagione di una delle migliori interpreti bustocche: arrivata tra le Cocche nel 2019 dopo la promozione in A2, Benedetta ha saputo conquistarsi il posto da titolare grazie a prove sempre consistenti e ad un muro spesso impenetrabile.

“Andrà tutto bene…”

E’ una cosa che sicuramente nessun atleta vorrebbe, ma purtroppo è capitata e non si può tornare indietro; ora, come dice qualcuno, grazie a questo infortunio posso davvero sentirmi una ‘giocatrice completa’… La sfida ora sarà affrontare tutto nel migliore dei modi, per uscirne il più velocemente possibile e per far sì che ciò non influisca sulla mia carriera; questo percorso mi servirà per crescere e ho tutta l’intenzione di uscirne più forte di prima. Non vedo l’ora di tornare a fare ciò che più mi piace, la pallavolo mi mancherà ma devo essere il più possibile positiva: sono sicura che andrà tutto bene“.

Il mercato non dorme mai

La società della famiglia Forte deve ora necessariamente tornare sul mercato. Posto che il budget a disposizione è già stato utilizzato per il rafforzamento estivo, qualcosa bisognerà pur fare. La prima soluzione è quella forse più immediata: la promozione di Martina Veneriano a titolare con l’ingaggio di una giovane promettente come back up soprattutto per il sei contro sei in allenamento. Non potendo ingaggiare straniere (in A2 si può mettere sotto contratto una sola giocatrice non italiana), l’alternativa è pescare nelle categorie inferiori (la serie B è stata per ora rinviata a fine novembre) oppure tra le inattive. Tra queste ultime a pochi chilometri da Busto vive Laura Frigo, trentenne saronnese nel campionato passato a Cuneo in A1. Nel primo caso, invece, il primo nome che viene in mente è quello di Ilaria Garzaro che è tornata a casa firmando per Belluno in B2 oppure Valentina Arrighetti che gioca in B1 a Genova alla PSA Olympia.  Sono però giocatrici già sotto contratto, difficili quindi da muovere, soprattutto con risorse limitate. Il mercato al momento però è bloccato, bisognerà quindi comunque attendere fino a metà novembre.

L’ombra del virus

Magra consolazione di giornata è che i tamponi a cui si sono sottoposti Zingaro e compagne in seguito agli stati febbrili della passata settimana che ha portato al rinvio del match interno con Olbia, sono risultati negativi. La società di via Ortigara aspetta ancora gli esiti dei tamponi “rapidi” effettuati sabato 24 ottobre.

L’ombra del virus: Futura-Olbia non s’ha da fare

futura sartori crociato – MALPENSA24