Traversata per la Vita, missione compiuta. L’impresa di Pozzi sul Maggiore

maggiore traversata impresa pozzi 01

LUINO – C’era un vasto pubblico raccolto sul lungolago di Luino intorno a Palazzo Verbania ad attendere dopo mezzogiorno l’arrivo di Alessandro Pozzi che oggi, domenica 13 luglio, in sella a “Per Aspera”, Vespa classe ‘59 montata su un pattino, ha attraversato il lago Maggiore partendo da Cannero Riviera. L’impresa, organizzata per raccogliere fondi a favore della Fondazione Ascoli di Varese, è stata portata a termine con successo dal vespista di Jerago che, dopo aver solcato le onde sotto il sole cocente, all’approdo sulla sponda lombarda è stato accolto dagli applausi del pubblico.

La volontà di tornare alla vita

«Siamo molto contenti, e orgogliosi, di essere stati coinvolti dalla Fondazione Ascoli in questa bellissima iniziativa di solidarietà», ha dichiarato Federico Carmine, sindaco di Cannero, presente alla partenza avvenuta a metà mattinata. «In un momento in cui è importante ripartire rappresenta la volontà di tornare alla vita». Ad assistere ai preparativi per la messa in acqua di “Per Aspera”, condotta sul posto dal vicesindaco Nerino Paoletti, c’erano rappresentanti di diversi Vespa Club della Penisola, da Barcellona Pozzo di Gotto e Putignano fino a Rossano Veneto e Verona, che, sfilando in corteo, hanno poi raggiunto poi Luino passando dalla Svizzera.

La partenza da Cannero Riviera

Diversi ospiti, presentati da Laura Basile, speaker di Radio Number One e Maurizio Albè – nelle vesti di Carmelo – dei Legnanesi, hanno salutato Pozzi prima che salpasse. Alessandro ha ricevuto da Zio Moreno dei Benedetti Vespisti la toppa del gruppo, che «insieme alla Vespa, simbolo di libertà, unisce il crocifisso a indicare che, come in questo caso, è possibile fare anche l’impossibile se c’è un progetto». Sul palco sono poi saliti Augusto Gaudino, organizzatore di tre giri d’Italia in Vespa per sensibilizzare sul problema dell’autismo, e l’avvocato Marco Ascoli, presidente dell’omonimo ente benefico: «All’ospedale di Varese curiamo i bambini affetti da patologie oncomeatologiche. Per realizzare un’impresa come questa, che ci consente di proporre una raccolta fondi, è necessario anche trovare una persona speciale come Alessandro che ce ne dia la possibilità. E non potevo immaginare giornata migliore di questa per l’evento».

La traversata

Il pattino con “Per Aspera” è stato spostato a braccia su un carrello e quindi fatto scivolare lungo una rampa fino a toccare l’acqua. Il percorso di Pozzi, che a metà strada ha fatto una sosta in mezzo al Verbano per il largo anticipo accumulato, è stato accompagnato da varie imbarcazioni di supporto e il catamarano a energia solare “La Zattera”. Pozzi, all’arrivo a Palazzo Verbania, ha trovato ad accoglierlo, insieme alla folla assiepata lungo i parapetti, il sindaco di Luino: «Per questa evento a favore della Fondazione Ascoli ci siamo attrezzati al meglio», ha scherzato Enrico Bianchi riguardo alla splendida giornata di sole che ha baciato la città. «Non posso che invitare a sostenere i loro progetti: questo è un momento di divertimento ma non ci deve far dimenticare chi è in difficoltà».

L’arrivo a Luino

Prima di toccare terra Pozzi ha esibito bandiere e insegne dei vari sponsor e Vespa Club che hanno dato il loro appoggio all’evento come Inalpi, Givi e il Milan Duck Store le cui papere hanno fatto compagnia al vespista per tutta la durata della traversata. Alessandro è stato quindi raggiunto dalla barca con a bordo i bambini della Fondazione Ascoli per il lancio dei palloncini e alcune prove di guida in sella a “Per Aspera”. Dopo l’attracco il punto di ritrovo si è spostato davanti all’hotel “Ancora” per foto collettive e selfie circondati dagli stand delle varie associazioni benefiche che hanno partecipato all’evento; la piazza ha anche visto l’arrivo di un ulteriore corteo, quello guidato da Andrea Gianini e formato dai quad, buggy e spider del Victory Team giunti da tutta Italia per appoggiare l’iniziativa.

In Vespa sul Maggiore da Cannero a Luino: la traversata solidale di Alessandro Pozzi

maggiore traversata impresa pozzi – MALPENSA24