Respinte dal commissario di Legnano quasi tutte le proposte della Lega sull’emergenza

legnano lega commissario emergenza

LEGNANO – Sì alle proposte della Lega, ma solo per quanto riguarda il giro di vite sui cestini dei rifiuti in città. Sarebbe questa la risposta del commissario straordinario Cristiana Cirelli al “decalogo” suggerito dal partito di Salvini per far fronte all’emergenza sanitaria. Lo si evince da fonti della sezione cittadina e dalla contro-replica della Lega. In merito alle altre azioni proposte, il commissario avrebbe risposto che, per quanto riguarda i DPI (dispositivi di protezione individuale, come guanti e mascherine), sono stati forniti nel frattempo dalla Regione e risultano disponibili in alcune farmacie. Il commissario avrebbe invece respinto altre proposte, come la sanificazione dei punti strategici della città, affermando che le sostanze utilizzate a questo scopo da altri Comuni sono nocive (la stessa comunità scientifica non è convinta sull’effettiva utilità di questa operazione per contenere il contagio da Covid-19). No anche al primo punto avanzato dalla Lega, ovvero la divulgazione dei dati relativi ai contagi di coronavirus a Legnano, in quanto (sempre in base a quanto riferito dalla sezione leghista cittadina) «passerebbe un messaggio sbagliato».

La sezione cittadina torna alla carica

Nonostante il commissario abbia accolto solo una proposta, quella di maggiori controlli sull’uso dei cestini per i rifiuti – controlli annunciati da AEMME Linea Ambiente in collaborazione con la Polizia Locale – la Lega non demorde e, ringraziando per l’attenzione riservata della Cirelli alle sue proposte, torna a invitarla a mettere in atto alcuni punti «proseguendo verso un’ottica di proficua collaborazione, come impone la situazione di emergenza che stiamo vivendo». A cominciare, di nuovo, dall’informazione e trasparenza sul numero dei contagi: «Comprendendo la ratio con cui intende gestire il punto in oggetto – scrive la Lega cittadina in una nuova lettera al commissario – ribadiamo l’importanza di una divulgazione periodica, con cadenza magari settimanale, da parte dei canali istituzionali al fine di evitare che canali non istituzionali si sostituiscano a tali funzioni, dando naturale adito ad un rischio di erronee divulgazioni».

«Sui DPI serve distribuzione porta a porta»

Fra gli altri punti, la divulgazione e l’aggiornamento di una lista dei negozi che offrono servizi a domicilio: dal Comune è partita una iniziativa volta a coinvolgere la ConfCommercio, ma la Lega suggerisce di far leva sui database già creati da testate giornalistiche locali e comitati spontanei, «al fine di sostenere in maniera ancora più decisiva il commercio locale (o di vicinato)». Anche sui DPI (dispositivi protezione individuale), vengono rimarcate «l’importanza e l’assoluto valore di una distribuzione porta a porta come avviene, con successo, in altri Comuni limitrofi, permettendo così di raggiungere tutti i nuclei familiari. Come Lega Legnano-Salvini Premier, a tal proposito ci rendiamo disponibili, su base volontaria, a sostenere concretamente l’iniziativa». La Lega suggerisce inoltre di finanziare, mediante una variazione ad hoc di bilancio, un acquisto di dispositivi FFP2 e FFP1 da elargire a ogni nucleo familiare per un totale di «circa 26.000 unità stimabili ad oggi. Questo in considerazione sia del fatto che la maggior parte dei dispositivi in commercio hanno durata (e conseguente efficacia) limitata nel tempo, sia del fatto che, ad oggi, sussiste una limitata accessibilità e disponibilità di tali strumenti per ogni famiglia», senza contare la «funzione calmieratrice dei prezzi locali» che avrebbe una simile iniziativa. Sui restanti punti sollevati (come la spesa sospesa e la posticipazione o abolizione di alcuni tributi comunali), la sezione leghista ritiene le risposte pervenute da Palazzo Malinverni «esaustive e complete» e conclude annunciando di aver girato ai suoi parlamentari una serie di proposte per il rilancio dell’economia, con particolare attenzione ai tributi che gravano su commercianti ed enti locali.

legnano lega commissario emergenza – MALPENSA24