Castellanza, code agli ambulatori di via Vittorio Veneto. La soluzione dei medici

Coronavirus assembramenti poliambulatorio Cardano

CASTELLANZA – Code infinite agli ambulatori di via Vittorio Veneto, causa di numerose lamentele avanzate dai cittadini di Castellanza. Ora arriva la soluzione, e arriva direttamente dai medici di base: una casella postale condominiale a sei posti che verrà installata all’esterno della struttura. A partire dal 20 novembre, infatti, le richieste di ricette e documentazioni dei pazienti potranno essere imbucate, senza creare disagi per le lunghe attese.

Come funziona?

Nell’ultimo periodo, sono giunte direttamente al sindaco Mirella Cerini diverse segnalazioni dai cittadini. Un problema di ordine gestionale che è stato risolto direttamente dai medici. Con l’acquisto della casella postale, che verrà posizionata accanto allo scivolo, si potranno velocizzare le pratiche ed evitare code per la segreteria. E soprattutto assembramenti.

Ogni paziente potrà imbucare le ricette, con un etichetta con scritto il nome del medico curante, possibilmente scritto con grafia leggibile e preparato in anticipo. Oltre al medico, si dovranno indicare: nome e cognome del paziente, nominativo dei medicinali desiderati (specificandone quantità e dosaggio) e richiesta di impegnative, specificando il quesito diagnostico (come visita di controllo o prima visita), allegando, se necessario, documentazione clinica del medico specialista richiedente.

Le richieste saranno prese in carico quotidianamente e le ricette saranno pronte due giorni dopo. Per il ritiro sarà necessario presentarsi in segreteria, salvo diverse indicazioni prese con il proprio medico curante.

Alcuni consigli

Per l’operazione si incentiva l’utilizzo dell’indirizzo mail dedicato, ovvero studiomedico.castellanza@outlook.it. E di specificare tutte le informazioni. In aggiunta, si consiglia di effettuare l’iscrizione al fascicolo sanitario elettronico, seguendo le procedure proposte sul sito di Regione Lombardia.

Questo strumento permetterà al paziente di avere diretto accesso alle ricette telematiche effettuate dal proprio medico, alla diaria clinica e alle prenotazioni ospedaliere e territoriali effettuate con relativi referti. Un procedimento che vale anche per l’esito dei tamponi nasofaringei o per i test sierologici.

Infine, sono stati organizzati spazi interni e sono stati indicati i percorsi da seguire con un nastro segnaletico, per accogliere più pazienti in sala d’attesa e garantendo il distanziamento sociale.

castellanza caselle ricette ambulatori – MALPENSA24