Olgiate piange Pino Possoni, il re di sala del ristorante Ma.Ri.na.

OLGIATE OLONA – Olgiate perde un pilastro: Pino Possoni, la mente del Ma.Ri.na., il rinomato e stellato ristorante di piazza San Gregorio, avviato dai genitori Angelo e Carolina e poi condotto dai figli: tre femmine, ovvero Marisa, Rita e Anna e appunto Pino.

Dopo una lunga malattia

Pino Possoni, 74 anni compiuti il 27 giugno scorso, è morto questa mattina (sabato 6 agosto) all’alba. Per 13 lunghi anni ha combattuto contro la sua malattia, senza mai lasciare la “creatura”. Portata avanti negli anni con la sorella Rita, cuoca rinomata. Lui il re della sala, lei la regina dei fornelli.

I Possoni sono una famiglia di ristoratori. Prima i genitori Angelo e Carolina, poi i figli. Con Marisa e Anna che nel loro percorso professionale hanno aperto e condotto fino a qualche anno fa un ristorante a Tradate. Ma è il Ma.Ri.na., vera istituzione del paese, poiché in molto conoscono Olgiate per la cucina dei Possoni, il cuore pulsante della passione diventata professione di questa famiglia. Tanto che il nome del ristorante altro non è che l’acronimo dei nomi delle figlie di Angelo e Carolina: Ma (Marisa), Ri (Rita) e na (minuscolo, poiché le ultime due lettere di Anna).

Il ristornate dei personaggi TV

E Pino Possoni, con Rita, ha saputo portare e mantenere il ristorante ad alti livelli. Il luogo discreto, in un angolo di piazza San Gregorio e l’ottima cucina hanno fatto del Ma.Ri.na. l’approdo gastronomico di molti volti della televisione e del grande schermo. Negli anni ruggenti di Antenna 3 Pino ha servito i manicaretti di Rita a Walter Chiari, Ettore Andenna, Enzo Tortora. E in tempi più recenti tra la clientela i Possoni hanno annoverato Cristian De Sica, Massimo Boldi, Martina Colombari e Billy Costacurta, Ficarra e Picone e Simone Ventura.

Fin quando le forze gli hanno permesso di muoversi, Pino Possoni è sempre stato vicino al Ma.Ri.na.. Ci sono clienti che raccontano di quella volta che, ormai accompagnato dal bastone, è entrato in sala e i commensali presenti per un attimo hanno interrotto il proprio pasto per rendergli omaggio. Pino Possoni lascia due figli, uno dei quali ha intrapreso, proprio a due passi dallo storico ristornate, l’attività del padre.