Samarate, torna il Covid: due quindicenni contagiati, sette in osservazione

varese covid tamponi positivi

SAMARATE – Sono due ragazzini di 15 anni i nuovi casi positivi al Coronavirus che hanno fatto perdere a Samarate lo status di città “Covid free” a soli cinque giorni dall’uscita dall’incubo dell’ultimo contagiato. Ad annunciarlo è il sindaco Enrico Puricelli, che riporta ai propri concittadini la comunicazione con cui ATS Insubria e Prefettura di Varese lo hanno informato della presenza di due nuovi soggetti contagiati. Si tratta di casi «non collegati tra loro», a cui si aggiungono altre sette persone (in gran parte amici dei due ragazzini o familiari stretti) che ATS ha posto “in osservazione”, ovvero in quarantena.

Il ritorno del Covid

Solo cinque giorni fa l’annuncio del sindaco Enrico Puricelli che Samarate, dopo 140 giorni esatti dal primo caso positivo, era diventata ufficialmente una città Covid free. Oggi, 7 agosto, è sempre il primo cittadino a far sapere ai samaratesi che «il maledetto» Coronavirus è tornato ad affacciarsi in città. «Alle ore 19:30 Ats Insubria e Prefettura di Varese mi hanno comunicato due nuovi casi di positività al Covid-19 nel territorio di Samarate, casi non collegati tra loro. Inoltre risultano sette concittadini in “osservazione”». Così il resoconto del contagio parla di 2 soggetti attualmente positivi e 7 in osservazione, oltre a 35 guariti e 9 deceduti. «Per tranquillizzarvi – chiarisce il sindaco Puricelli – posso garantire che le autorità sanitarie hanno messo in atto i protocolli e le misure necessarie per la tutela di chi potrebbe aver avuto contatti con le persone risultate positive. Tali persone rientrano tra gli “osservati”, ai quali è stata fissata la misura della quarantena (14 giorni)».

«L’emergenza non è finita»

Così Samarate ripiomba nell’emergenza Covid, e il sindaco Enrico Puricelli torna a ribadire la necessità di attenzione, soprattutto tra i più giovani, come dimostra l’età dei nuovi contagiati. «Dopo soli 5 giorni, a Samarate tornano le nubi: il “maledetto” è tornato tra noi – fa notare il primo cittadino samaratese – una notizia che deve farci riflettere. Come vi ho sempre raccomandato, dobbiamo continuare a rispettare le regole del distanziamento sociale e le disposizioni sull’utilizzo della mascherina. Con l’arrivo dei mesi estivi, vedo sempre più persone che si ritrovano in gruppo senza utilizzare la mascherina, soprattutto i più giovani! Senza la giusta attenzione potremmo rendere vano ogni sacrificio fatto fino ad oggi. L’emergenza non è ancora terminata».

Nove alberi per le vittime del Covid di Samarate: nasce il Bosco del respiro

samarate covid contagi ragazzini – MALPENSA24