Via al Bike to Work, a Olgiate andare al lavoro e a scuola in bici conviene

olgiate biciclette lavoro voucher

OLGIATE OLONA Dal primo luglio pedalare conviene. L’amministrazione Montano ha appena lanciato e inaugurato il progetto Bike to Work di Olgiate. «Vogliamo promuovere la mobilità dolce nel nostro paese. Così i nostri cittadini potranno godere di uno stile di vita più salutare e salvaguardare l’ambiente. Inoltre anche la vivibilità del paese ci guadagnerà sotto tutti i punti di vista», ha dichiarato l’assessore all’Ambiente, Leonardo Richiusa.

Il progetto, che partirà invia sperimentale e che al momento prevede un numero limitato di iscrizioni, è stato messo a punto in sinergia tra gli assessorati all’Ambiente, quello al Commercio guidato da Angela Di Pinto e la collaborazione della polizia locale e del comandante Alfonso Castellone. «Quello della mobilità è un tema che ormai va oltre i confini ambientali – ha dichiarato il sindaco Gianni Montano – preferire la bicicletta all’auto per gli spostamenti significa, infatti, modificare in meglio gli stili di vita, strategici per garantire la salute dei cittadini».

Giovani controllori virtuali

«Come amministrazione abbiamo messo a disposizione 12 mila euro per il progetto», afferma Richiusa. «In questo modo ogni cittadino olgiatese, o dipendente comunale, potrà recarsi al lavoro o a scuola in bicicletta e ottenere “guadagnando” 0,25 centesimi al chilometro. Verranno poi emessi dei voucher spendibili entro fine anno nei negozi convenzionati».

E’ chiaro che ci sono dei paletti, ovvero: fissati nella misura di 25 centesimi a chilometro per l’utente con bicicletta normale; di 20 centesimi a chilometro, per la bicicletta a pedalata assistita e di 25 centesimi a chilometro, per chi va a piedi. E’ previsto un tetto massimo giornaliero di 5 euro, con un minimo giornaliero di percorrenza casa-lavoro e viceversa di almeno km 2. Mentre il tetto mensile pro capite è di 50 euro. Verranno considerati solo ed esclusivamente i giorni lavorativi, per un massimo di 6 giorni alla settimana percorsi sul tragitto casa-lavoro (e/o scuola) e viceversa.

Il tutto sarà controllato da due giovani olgiatesi: Davide Vita e Giovanni Mandelli. «Chi vuole partecipare al progetto dovrà compilare un modulo per dichiarare la distanza del percorso casa-lavoro, o casa- stazione, per chi va all’università o al lavoro a Milano con il treno, piú breve e sicuro. Poi noi provvederemo a controllare che i dati corrispondano con quelli dell’app Strava», spiega Mandelli. «L’app Strava è stata scelta perché è facile da usare e tutti possono scaricarla sul loro smartphone», sostiene Vita.

In arrivo le rastrelliere

«A supporto delle nostre iniziative ambientali – continua l’assessore – abbiamo anche fatto una ricerca sui social per chiedere a cittadini e negozianti se volessero delle rastrelliere per legare le biciclette. Abbiamo già ricevuto 5 o 6 richieste. E’ quindi evidente che offrire queste strutture promuoverà i progetti come Bike to work e renderà più semplice spostarsi in bici. Perciò pensiamo di stanziare 10 mila euro statali e in un paio di mesi saremo pronti».

olgiate biciclette lavoro voucher – MALPENSA24