Varese, pronta la 43° edizione del Palio di Masnago: ecco le celebrazioni

varese palio di masnago

VARESE – “Respirate aria di speranza”. E’ questo il tema della 43esima edizione del Palio delle 6 contrade di Masnago che vivrà il suo momento principale domenica 12 settembre. Un titolo, come ha spiegato il parroco e responsabile della comunità pastorale “Maria Madre Immacolata”, don Giampietro Corbetta, per «far provare una sensazione mai sperimentata in questi mesi di pandemia: la speranza di rinascere come comunità cristiana, civile e familiare». Il tema della speranza – ha aggiunto don Giampietro – è stato scelto «perché noi cristiani siamo portatori di un “novum” che non solo gli altri non hanno, ma di cui tutti abbiamo bisogno di ripartire».

Il programma delle celebrazioni

Da domani (mercoledì 1 settembre), alle 20.45 nella contrada Faido, inizierà la celebrazione delle messe di contrada. Sabato sera, 4 settembre, alle 18.30 nella chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo di Masnago, verrà ricordato con una messa di suffragio Stefano Pini, il giovane del rione scomparso improvvisamente, dieci anni fa, durante una vacanza in Croazia. Al termine del rito, in oratorio, è prevista una serata di beneficenza, “Con e per Stefano”, con momenti di sport e amicizia e la possibilità di accedere al banco gastronomico.

Il primo grande appuntamento del programma proposto dal comitato organizzatore coordinato da Alessandro Montalbetti è certamente per domenica prossima, 5 settembre, alle 21 nella cripta della chiesa parrocchiale in via Petracchi, per l’inaugurazione della mostra “In fondo al cammino c’è Qualcuno che ti aspetta – Lo splendore della speranza nel Portico della Gloria”. Presenterà la mostra, che sarà visitabile fino alla giornata conclusiva del Palio, domenica 12 settembre, il commissario per l’Italia settentrionale della Custodia di Terra Santa, padre Francesco Ielpo. La rassegna, curata da Félix Carbò e Miguel Angel Blazquez con la collaborazione di Enrique Bican e Rafael Gonzalez e presentata al Meeting di Rimini undici anni fa, è composta da 40 pannelli e cerca di sviscerare il significato del Portico della Gloria, l’opera realizzata dal Maestro Matteo tra il 1175 e il 1188 posta sulla facciata occidentale della cattedrale di Santiago di Compostela.

La grande festa del lunedì

Il programma della prossima settimana si aprirà con la grande festa, lunedì 6 settembre, per gli anniversari di ordinazione di don Mauro Barlassina, responsabile della comunità pastorale “Maria Madre Immacolata” fino a due anni fa, don Luca Violoni e don Maurizio Cantù, in passato vicari parrocchiali a Masnago, e del giovane vicario attuale, don Matteo Moda. Alle 20.45, nella chiesa parrocchiale, i quattro sacerdoti concelebreranno una messa solenne al termine della quale, sul sagrato, saranno festeggiati dalla comunità parrocchiale.

Giovedì 9 settembre, alle 20.45 in chiesa parrocchiale, si parlerà del Cammino di Santiago con un incontro che proporrà la testimonianza di alcuni pellegrini. Infine, prima delle due giornate clou di sabato 11 e domenica 12 settembre, venerdì, 10 settembre, alle 21.15 all’interno del parco Mantegazza si potrà partecipare ad una serata di osservazione della volta celeste proposta dall’osservatorio astronomico “Schiaparelli” del Campo dei Fiori.