Carlo Pogliani: “Theo ci crede, Tomori il migliore, Kessie stanchissimo”

Pogliani

 

Carlo Pogliani 

Le pagelle del mister:
Donnarumma: 5,5
Un paio di buoni interventi d’istinto puro . . . ma sul goal non è esente da colpe: si tuffa in parallelo con la linea di porta senza tagliare verso la palla.
Il ballonzolante tiro non era irresistibile . . . anzi.
Dalot: 6-
Cerca di limitare Insigne e non sempre ci riesce.
In fase offensiva si vede poco ed è tradito dal compagno di catena in occasione del goal decisivo.
Hernandez: 6 1/2
L’unico a crederci fino alla fine nonostante l’assenza di qualcuno che potesse supportarlo su quella fascia. In ritardo sul goal ma non per colpa sua.
Tomori: 7-
Il migliore per distacco. Puntuale, preciso e cattivo sbaglia solo una lettura aerea (mancanza da migliorare), per il resto . . . meno male che c’è Tomori, altrimenti saremmo qui a commentare un risultato pesante.
Gabbia: 5-
Non una grandissima idea (Pioli, ma Kalulu?) riproporlo contro un attacco piccolo e veloce.
Nel momento decisivo non riesce a mettere una pezza (ma la scivolata no?).
Tonali: 6
Si abbassa tra i due difensori per cercare di far partire l’azione e non sempre ci riesce. Meglio quando la coppia gioca piatta, perché riesce ad agire in sincronia. Per me rimane un recuperatore di palloni più che un giocatore euclideo.
Kessie’: 5,5
È stanchissimo, avrebbe bisogno di un turno di riposo ma . . . il “Presidente” è il “Presidente”. Sbaglia anche lui non tergiversando nell’azione decisiva ma: come si può non coprire quella palla Samu caspita!
Castillejo: 4 1/2
E’ diventato un Suso che corre un po’ (tanto) di più ma . . . per giocare in una compagine che ambisce alla Champions non basta. Non coprire quel pallone decisivo lo fa scivolare a livelli legati a categorie inferiori. Mai più (c’era Saelemekers, vero mister?).
Chalanoglu: 5-
Che dire . . . se qualcuno nutre ancora qualche dubbio sugli effetti devastanti del virus, ecco voi Hakan 2 perché del primo abbiamo perso le tracce. Se non è pronto parte dalla panchina, stop.
Krunic: 4 1/2
Ripresentarlo in campo dopo due buone prestazioni è come sfidare il tavolo della roulette, ne esci sconfitto novantanove volte su cento. Krunic è un giocatorello da mezza classifica e forse anche meno. Poi, perché esterno?
Leao: 4
Si divora un goal a un metro da Ospina che forse anche il peggior nove di C avrebbe segnato. Per il resto dell’incontro ciondola per il campo come se stesse cercando un oggetto prezioso perso sul rettangolo verde. Non è il suo ruolo e lui fa di tutto per dimostrarlo.
Rebic: 4, peccato era entrato benissimo (vero Pioli?).

Saelemekers: 6 1/2 entra e dà la sveglia

Meité 6

Hauge 5

Diaz 5 

Carlo Pogliani Milan-malpensa24