Peace&Love a Somma Lombardo: i Figli dei fiori vincono il carnevale del 60esimo

SOMMA LOMBARDO –  Gioca d’anticipo il carnevale sommese. Temendo le intemperie che più volte negli anni scorsi obbligarono ad annullare l’evento a poche ore dal via, gli organizzatori hanno anticipato di sette giorni la tradizionale sfilata dei carri che oggi, 2 marzo, ha richiamato oltre un migliaio di persone, segno evidente di una festa ormai ritrovata a cui la Città di Somma Lombardo non vuole più rinunciare. Il segreto è la sana sfida al carro più bello tra le associazioni partecipanti. L’edizione 2019 è stata vinta dai figli dei fiori del Gruppo Castello Visconti, premiati con le chiavi della città dal sindaco Stefano Bellaria per l’occasione vestito con un parruccone afro Anni Settanta alla Jimmy Hendrix.

I carri in gara

Subire l’onta della sconfitta è ciò che spinge i volontari a preparare di nascosto i carri e le maschere per presentarsi puntuali all’appuntamento con la convinzione di vincere le chiavi della città. Per l’edizione 2019 la giuria ha deciso di premiare il carro hippy del Gruppo Castello, ma erano tantissime le proposte in gara. Pro Somma ha celebrato il 60esimo di Somma Città, la Pro Loco si è tuffata nel mondo egizio, i cuochi di Varallo Pombia (Pro baby) hanno portato Masterchef in città e quintali di coriandoli. Nel lungo serpentone anche l’Anffas, la “Banda dei monelli” del corpo musicale La Cittadina, le emoticon delle scuole sommesi, lo Sci club 88, il Giugno mezzanese e tanti altri ancora.

Il corteo

Ad aprire il corteo, naturalmente, il Giuanin e la Rusina, le due maschere tipiche della città. A impersonare il maschio dei “Mangiacasoela”, per la prima volta, l’ex sindaco Guido Colombo. Subito dietro, al loro esordio in città, gli Sbandieratori e musici di Somma Lombardo. A garantire l’ordine pubblico e la sicurezza invece, a fianco della polizia locale, i volontari della Protezione civile, i carabinieri in congedo e gli alpini.

carnevale somma lombardo – MALPENSA24