“Settimana positiva, dobbiamo pensare a crescere”

Openjobmetis Varese Giancarlo Ferrero

VARESE – Punto della situazione infrasettimanale in casa Openjobmetis Varese sulla serie aperta di due sconfitte consecutive in campionato (in casa contro l’Acqua S. Bernardo Cantù e in trasferta sul campo della Vanoli Cremona). Il capitano Giancarlo Ferrero  (nella foto) traccia un bilancio, con l’occhio naturalmente rivolto al match di sabato alla Enerxenia Arena contro la Virtus Segafredo Bologna.

Il Covid-19

“Noi giocatori siamo fortunati, perché siamo molto controllati. Ci fanno un tampone ogni 48 ore ed eventualmente anche più spesso. Il mio episodio? E’ stata una situazione un pò strana, perché il venerdì risultava una positività e poi i due successivi tamponi sono stati negativi. Ho perso la partita di Casalecchio contro la Fortitudo Bologna, poi sono subito rientrato in gruppo. Certo, questa situazione mette in difficoltà tutti, la squadra, chi lavora per la squadra e le nostre famiglie. Però, guardando la situazione del Paese e la piega che purtroppo sta prendendo la pandemia, noi atleti professionisti abbiamo la fortuna di essere super controllati. Semmai, in una declinazione sportiva, il dispiacere è quello di non avere i tifosi al palazzetto”.

Le chiavi dei primi due successi

“Sicuramente abbiamo iniziato alla grande il campionato, battendo due grandi squadre come Brescia e Fortitudo Bologna. Siamo stati bravi in entrambe le partite, aiutandoci in ogni situazione di gioco e mettendo molta energia in campo”.

Le chiavi delle due sconfitte

“Sì, arriviamo da due k.o., ma distinguerei, perché c’è sconfitta e sconfitta. La partita in casa contro Cantù ci è dispiaciuto perderla, perché è un derby, seppur molto anomalo per una presenza ridotta di tifosi. Abbiamo alternato cose buone a cose negative, siamo stati sul +6, ma poi nell’ultimo periodo abbiamo subito 32 punti e lì abbiamo compromesso l’esito finale. Sabato a Cremona, invece, non abbiamo messo la necessaria energia difensiva, che è il punto imprescindibile per creare azioni in attacco. Inoltre abbiamo subito troppi uno-contro-uno nella nostra metà campo. Questa settimana ci siamo rinchiusi in palestra a lavorare con grande garra perché abbiamo voglia di riscattarci”.

Sabato la Segafredo Virtus Bologna

“Noi veniamo da due sconfitte consecutive e la Virtus Bologna anche. Quest’anno il fattore-campo conta meno e sappiamo che sabato affronteremo una squadra lunga, atletica e fisica, costruita per vincere in Italia e in Europa. Per prima cosa dobbiamo essere preparati ad affrontare la loro fisicità, questo deve diventare il nostro marchio di fabbrica. Sappiamo che squadra è la Segafredo, ma è più importante concentrarci su noi stessi per continuare la nostra crescita, sapendo che giochiamo per migliorare progressivamente in tutto il campionato”.

Openjobmetis Varese Giancarlo Ferrero – MALPENSA24