Gli ultimi due Airbus A330 di Air Italy hanno lasciato Malpensa. Per sempre

Airbus A330 Air Italy

MALPENSA – Dopo giorni di rinvii per allentare l’attenzione mediatica, gli ultimi due Airbus A330-200 di Airitaly hanno oggi lasciato l’aeroporto di Malpensa in direzione Doha. Da dove non faranno più ritorno. Raggiungeranno infatti gli altri due già restituiti al proprietario che li dipingerà con i colori di una nuova livrea, cancellando per sempre le speranze di far ripartire la seconda compagnia aerea italiana.

Il saluto dei dipendenti

Il personale tecnico manutentivo in piazzale ha per l’ultima volta “dispacciato” gli aeromobili per il volo. Altri dipendenti – una delegazione composta da piloti, assistenti di volo e personale di terra – si sono ritrovati invece per un silenzioso congedo  simbolico dalle vetrate del Terminal 1, dove lo steward Mario Clemente ha attivato da 12 giorni e 13 notti un presidio permanente. Si trova nelle vicinanze dei check-in Qatar Airways (area 15/16). Lì sta raccogliendo le firme della petizione #salviamoairitaly.

Airbus A330 Air Italy

Leasing congelato

Secondo i dipendenti presenti oggi in aeroporto, i quattro Airbus, insieme ai tre Boeing 737 Max8 (da tempo fermi per problemi tecnici di sicurezza), al momento rimarrebbero sotto il Coa (certificato di operatore aereo) di Airitaly grazie ad un accordo di “leasing congelato” raggiunto tra la società di noleggio e i liquidatori. «Tale operazione – dicono – consente di mantenere attive le certificazioni del personale navigante tecnico e di cabina. Congiuntamente agli slot di pertinenza della compagnia, Airitaly è stimata a oggi per un valore totale di circa un milione di euro».

Airbus A330 Air Italy

LEGGI ANCHE:

Airbus A330 Air Italy

Airbus A330 Air Italy – MALPENSA24