Fiumi sicuri in provincia grazie agli oltre 200 volontari di protezione civile

protezione civile contributi regionali

VARESE – Sono più di 200 i volontari della protezione civile della Provincia di Varese che riceveranno un attestato per la partecipazione al corso “Fiumi sicuri”. E a consegnare il diploma alle tute gialloblu sarà il consigliere provinciale alla partita Alberto Barcaro.

«Abbiamo visto tutti in questa stagione critica per le condizioni meteo che è indispensabile poter contare su volontari di protezione civile competenti e ben preparati ad affrontare ogni somma lombardo avanzosituazione – afferma il consigliere delegato alla Protezione civile Alberto Barcaro – La Provincia non ha mai smesso di promuovere l’ attività di formazione dei suoi volontari, un’attività costante che permette a loro di essere sempre aggiornati e ai cittadini di poter contare su persone in grado di agire prontamente per garantire la sicurezza del territorio. Ricordo anche che il settore “Protezione civile e sicurezza” è sempre a disposizione dei Comuni che abbiano bisogno di indicazioni sulla prevenzione dei rischi che potrebbero costituire una minaccia per la sicurezza»

Oggi, mercoledì 27 novembre, alle 20.30 a Villa Recalcati il consigliere ringrazierà e consegnerà l’attestato di partecipazione ai 200 volontari che hanno partecipato alla campagna Fiumi Sicuri, nell’ambito della Settimana nazionale della Protezione civile. Mettendo in pratica le competenze apprese durante i corsi di specializzazione, nel mese di ottobre e novembre i volontari hanno pulito gli argini dei torrenti Rio Freddo e Valpozzolo (a Cassano Magnago) e del Torrente Lura (a Caronno Pertusella) e hanno rimosso il materiale vegetale, elemento che concorre ad aumentare il rischio idrogeologico.

In questi giorni, inoltre, ha preso il via un corso di aggiornamento a cui partecipano circa quaranta volontari che nel 2018 hanno frequentato con profitto il corso sull’utilizzo della motosega, attrezzatura indispensabile in situazioni critiche. «Una formazione costante e aggiornata consente anche di garantire la sicurezza degli stessi operatori in ogni situazione», conclude Barcaro.

fiumi sicuri protezione civile – MALPENSA24