Piscina chiusa, a Legnano in migliaia all’asciutto: «Pagato in anticipo, e ora?»

legnano piscina lega pd polemica

LEGNANO – In viale Gorizia, all’ingresso della piscina coperta “Ferdinando Villa”, l’andirivieni è continuo: giovani, adulti, genitori con i figli. In un’ora ne contiamo una trentina. Tutti interdetti dal cartello affisso sulle vetrate all’ingresso che annuncia la «chiusura temporanea» dell’impianto per ordine del commissario prefettizio, così da poter procedere con lavori non rinviabili per mettere in sicurezza l’edificio. «Abbiamo pagato l’abbonamento fino a fine gennaio, e adesso? Non è solo questione di soldi, che cosa faremo per tutto questo tempo?» si chiede una madre con la bambina. «Abbiamo pagato anticipatamente – lamenta un papà – siamo iscritti da tanti anni, ho telefonato ma non risponde nessuno». «Niente – fa eco un altro – ci hanno proprio piantato fuori».

Amga Sport al lavoro su soluzioni alternative

Lo stop forzato riguarda società sportive e iscritti ai corsi di nuoto, atleti e sportivi: in tutto, migliaia di persone rimaste all’asciutto. Niente tuffi né bracciate, fino a quando i lavori non saranno terminati. Un danno materiale e d’immagine difficile da calcolare per gli utenti, come per la città. «Stiamo elaborando soluzioni alternative – fa sapere in una nota rivolta a utenti, collaboratori e dipendenti Elisabetta Martignoni, amministratore unico di Amga Sport, la società che ha in gestione la piscina di Legnano – al fine di limitare quanto più possibile il disservizio causato dalla chiusura temporanea della piscina. Assicuriamo che sono già stati disposti gli opportuni interventi, grazie alla fattiva collaborazione di tutti gli enti preposti. Contiamo, pertanto, sulla vostra comprensione e disponibilità, affinché si possa tornare quanto prima a utilizzare una piscina più bella e sicura». È possibile che alcuni utenti siano “dirottati” su altri impianti del territorio, ma tempi e modalità sono ancora tutti da stabilire.

legnano piscina coperta chiusa – MALPENSA24