Busto, catturato dopo la condanna in contumacia: preso l’evaso dal tribunale

busto violenza sessuale latitante

BUSTO ARSIZIO – Evase dal tribunale di Busto Arsizio: dopo la condanna in contumacia è arrivata la cattura. Ieri, giovedì 27 dicembre, il tunisino di 26 anni autore di una rocambolesca fuga dal palazzo di giustizia di Busto subito dopo la convalida dell’arresto per furto era stato condannato a tre anni e sei mesi dal giudice Renata Peragallo. Di lui in aula non c’era traccia perché ancora latitante.

Nessun dettaglio sulla cattura

Nel pomeriggio, come riportato dall’edizione odierna del quotidiano La Preapina, l’uomo è stato finalmente fermato dalla polizia di Stato dopo una fuga durata 7 giorni. I dettagli della cattura non sono ancora stati resi noti. Il ventiseienne, che era sfuggito agli agenti della polizia di Legnano che lo avevano in custodia mentre lo caricavano in auto per accompagnarlo in carcere (il giudice aveva disposto la misura di custodia cautelare in carcere visto che il tunisino non aveva fissa dimora), potrebbe aver contattato delle vecchie conoscenze in cerca di aiuto. E attraverso le vecchie conoscenze gli inquirenti potrebbero essere riusciti a rintracciarlo. L’uomo adesso è in carcere. Dopo la condanna di ieri con l’accusa di furto aggravato dovrà affrontare un nuovo processo con l’accusa di evasione.

busto evaso catturato – MALPENSA24