Una nuova biblioteca per Ferno. Gesualdi: «Il cuore del mio mandato»

biblioteca ferno gesualdi

FERNO – Una biblioteca multimediale, ma anche uno spazio da destinare a conferenze, presentazioni. Un luogo vivo e da vivere, che non sia solo un insieme di scaffali ma un vero centro di socializzazione. È il sogno di Filippo Gesualdi già dai tempi in cui era assessore alla Cultura, e che ora da sindaco vuole regalare a Ferno una nuovissima biblioteca.

biblioteca ferno gesualdiCome la Bica a Carnago

Un investimento da 600mila euro è pronto per quello che Gesualdi definisce come «il cuore del mio mandato». Un pallino vecchio quello di riammodernare la biblioteca, che ora è di fatto un’area all’interno del municipio: una proposta abbastanza ricca di titoli disposti a scaffale aperto, una piccola sezione dedicata all’infanzia, un’area lettura con qualche tavolo. Ma per il sindaco non basta: «La biblioteca di ora non è più sufficiente, né per spazi né per tipologia».
L’intento è quello di scavalcare lo stesso concetto di biblioteca «che è riduttivo» per realizzare uno spazio di socializzazione mutevole a seconda delle esigenze. «Un modello a cui ci ispiriamo è la Bica di Carnago, anche per il bacino di utenza che avremmo qui» continua Gesualdi, che ha bene in mente il progetto: un luogo «che non deve nascere come già vecchio, ma che deve sapersi innovare al passo con le generazioni», capace quindi di accogliere diverse attività culturali per diverse tipologie di utenti, in uno spazio modulabile, «dove le stesse pareti possano ricreare una sala conferenze piuttosto che un’aula studio».

Luogo da vivere

Con un ingresso interno al palazzo comunale, e uno esterno, in modo da consentire l’accesso anche negli orari di chiusura del municipio, la nuova biblioteca di Ferno punta ad accogliere proprio tutti, diventando un polo culturale attrattivo e da vivere. L’investimento porterà quindi ad ampliare la struttura dello stesso municipio: una prima riunione è stata appena fatta, e si conta di terminare il progetto entro fine gennaio, con l’obiettivo «di vedere la biblioteca realizzata entro la fine del mio mandato» e quindi per il 2022.

biblioteca ferno gesualdi – MALPENSA24