“Mai Paura” di emozionarsi: Vanni Oddera incanta Volandia

volandia vanni oddera

SOMMA LOMBARDO – «Ciò che a noi interessa è garantire il ‘bendessere’ a questi ragazzi». E a giudicare dagli occhi sorridenti di oltre 200 ragazzini l’obbiettivo è stato decisamente raggiunto. Tutto in un giorno, tutto dedicato ai pazienti oncologici e alle persone con disabilità, che oggi, sabato 21 settembre, hanno assaporato il brivido della moto e delle acrobazie freestyle con un campione mondiale, Vanni Oddera. Grazie all’impegno e alla rete che il progetto “Mai Paura” ideato da Emanuela Bossi e dal suo prezioso team è riuscito mettere in piedi per stare realmente accanto ai pazienti e alle loro famiglie. Un progetto sostenuto e avviato dall’ex assessore ai Servizi Sociali di Busto Miriam Arabini e oggi portato avanti con tenacia dal suo successore Osvaldo Attolini.

Una rete che diventa sempre più ampia

«Oggi siamo andati oltre ogni nostra aspettativa – spiega Bossi, mentre il suono delle risate dei ragazzi la circonda ancora – Tante persone presenti, ma soprattutto tantissimi ragazzi». Così tanti da convincere tutti a ripetere la moto-terapia anche nel pomeriggio. «Ciò che vogliamo è emozionare – spiega Bossi – Letteralmente dare emozioni a questi pazienti che così tanto ci insegnano sulla dignità, sulla voglia di combattere. Ho parlato di bendessere, e non di benessere, perché lo scopo è quello di permettere a tutti loro di vivere il meglio possibile. Dove non possiamo togliere il male, cerchiamo di aggiungere il bene. E la giornata di oggi è stata emozione allo stato pure per tutti.  Emozione e libertà, due concetti che a noi di “Mai Paura” piacciono moltissimo».

Bossi aggiunge una parola preziosa: «Grazie, grazie a tutti coloro che lo hanno reso possibile. Grazie a chi si è messo a disposizione, alla polizia di Stato che alle 10.30 di oggi ha fatto atterrare qui l’elicottero del Corpo, grazie a Vanni Oddera, grazie agli oltre 100 harleysti che chiuderanno l’evento sempre insieme ai ragazzi. Grazie a tutti coloro che sempre di più entrano a fare parte di questa rete e, aggiungo, entrano a farne parte gratuitamente. Cos’altro deve aggiungere? Io credo che per raccontare davvero la giornata di oggi non serva altro che una fotografia dei volti di questi ragazzi».

volandia vanni oddera maipaura – MALPENSA24