Giorgetti a Samarate: «Troppi 15 anni per una caserma dei carabinieri»

giorgetti caserma carabinieri

SAMARATE – «Non devono servire quindici anni per realizzare una caserma dei carabinieri». Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del consiglio Giancarlo Giorgetti oggi, 10 novembre, durante l’inaugurazione del nuovo presidio dell’Arma in via Ricci a Samarate.

Un cantiere durato quindici anni

La palude burocratica in cui era finito il cantiere della caserma di Samarate Giorgetti la ricorda benissimo, perché più volte fu un problema che gli amministratori locali gli sottoposero quando era ancora un semplice parlamentare. Per questo motivo si è detto particolarmente orgoglioso di essere presente oggi, in veste di sottosegretario alla Presidenza del consiglio, per il taglio del nastro della nuova struttura in cui operano i 12 militari appartenenti alla compagnia di Busto Arsizio: «Oggi rappresento lo Stato, ma venendo qui ho incrociato lo sguardo di tante persone che mi hanno accompagnato in tanti anni di vita politica. Ogni volta che passavo per Samarate ho sempre sentito parlare del problema di questa caserma. Mi fa piacere che questi lunghi anni di attesa trovino ora il punto di arrivo con Leonardo Tarantino a Roma assieme a me a rappresentare il popolo italiano, ma in particolare la comunità di Samarate».

Ora tocca a Cardano

Secondo Giorgetti, «c’è qualcosa da cambiare in un sistema in cui oggi facciamo festa a Samarate, ma non lontano da qui stanno ancora aspettando». Il rappresentante del governo si riferisce naturalmente a Cardano al Campo, dove la caserma è pronta al 99 per cento da almeno dieci anni, ma non apre mai nonostante le periodiche rassicurazioni. «Ed è un problema che riguarda tante opere pubbliche in cui lo Stato per esserci deve dimostrare di sapere di potere fare. Questo governo le procedure le deve cambiare, per le caserme e non solo».

giorgetti caserma carabinieri – MALPENSA24