Te Deum, Monsignore: «Busto non abbia paura. Lavoriamo insieme per la città»

tedeum busto monsignore

BUSTO ARSIZIO – «Noi dobbiamo lavorare insieme per la nostra città: amministrazione pubblica, associazioni, realtà ecclesiastica. Insieme dobbiamo allontanare la paura, è l’amore per Busto che deve muoverci tutti insieme». E’ vibrante la voce di monsignor Severino Pagani, prevosto di Busto Arsizio mentre pronuncia l’omelia della Messa di Ringraziamento con il canto del Te Deum, celebrazione che alle 18.30 di oggi, lunedì 31 dicembre, ha richiamato decine di fedeli nella basilica di San Giovanni.

«Vivete come cristiani»

In prima fila l’assessore Gigi Farioli, che è tornato a indossare la fascia Tricolore, in supplenza dell’assente sindaco Emanuele Antonelli, affiancato dagli assessori Manuela Maffioli e Paola Magugliani. E’ una lunga riflessione quella di monsignor Pagani che poggia tutta sul concetto di «cristianesimo reale», che non separa la pratica del «culto, dallo stile di vita». Vivete come cristiani. Questo il senso delle parole del prevosto che ha parlato di carità «che deve andare di pari passo con la legalità», di accoglienza «della fatica alla quale oggi molti vanno incontro nel fare del bene». Una società individualista, che fatica a comprendere e accettare i mutamenti comunitari, che si «rifugia in una distorta e elitaria realtà virtuale». Una società che fatica a riconoscere il Cristo: «Per molti non dico sia da considerarsi dannoso, ma inutile e insignificante sì». Monsignore ha sottolineato come oggi «Sia impossibile credere a progetti politici che imputano agli immigrati ogni male. Non è sostenibile un progetto politico del genere». Ed è poi tornato a rivolgersi direttamente a Busto: «La nostra città deve imparare a guardare la realtà comunitaria superando tre dannosi stati d’animo: l’emotività istintiva, che va sostituita con la pazienza e con l’intelligenza, la confusa esasperazione della paura e l’individualismo relazione che in molti casi sfocia nell’aggressività. Lavoriamo insieme per Busto».

tedeum busto monsignore – MALPENSA24