Sangalli taglia il nastro alla rinnovata sede di Confcommercio Busto-Medio Olona

BUSTO ARSIZIO – «Correre a testa alta verso il futuro». Fa il motivatore il presidente nazionale di Confcommercio Carlo Sangalli, ospite speciale questa mattina, 15 novembre, in via Machiavelli all’inaugurazione della rinnovata sede di Ascom, ormai ribattezzata Confcommercio Imprese per l’Italia Busto Arsizio e Medio Olona, come si legge nel nuovo logo che campeggia negli spazi al primo piano sottoposti ad un’importante opera di restyling. «Le sfide si vincono solo se ci uniamo» l’appello ai commercianti e alle istituzioni del presidente dell’associazione Rudy Collini, di fronte a tre sindaci (il “padrone di casa” Emanuele Antonelli, oltre a Mirella Cerini di Castellanza e Maria Elena Catelli di Fagnano Olona) e una foltissima rappresentanza di esercenti del territorio.

Sangalli motivatore

«Se non ci fosse stata la barra dritta di Confcommercio certamente l’Iva sarebbe aumentata. E in pochi sottolineano che sarebbe stata una forte ingiustizia sociale». L’inossidabile presidente nazionale di Confcommercio Carlo Sangalli non rinuncia a parlare di attualità nel suo intervento all’inaugurazione della rinnovata sede di Busto e Medio Olona in via Machiavelli. «Ma oggi c’è un problema di crescita: occorre mobilitare risorse, ristrutturare la spesa pubblica, reperire risorse per investimenti in innovazione, infrastrutture e sostenibilità, per evitare il ricorso a nuove tasse e complicazioni per imprese e consumatori. Dobbiamo evitare una tassa in più e dare diversi costi in meno». Carlo Sangalli traccia la rotta per la Confcommercio del nuovo millennio e dell’era in cui la grande distribuzione sempre più capillare e il commercio elettronico sembrano mettere in crisi i piccoli negozi: «Abbiamo il compito di valorizzare il territorio perché gli esercizi di vicinato sono un presidio sociale. Quando si spegne un’insegna veramente un pezzo città muore. Ed è fondamentale l’impegno per la rigenerazione urbana». All’Ascom di Busto e Medio Olona il numero uno di Confcommercio rivolge elogi: Quando vedo voglia, entusiasmo e passione di andare avanti e continuare quello che è stato ereditato per me è motivo di grande orgoglio. Ci deve dare la forza di andare avanti, con fiducia. Qui c’è una bellissima struttura, che non ha il vuoto intorno. Ora gli imprenditori del terziario partecipino e si iscrivano».

Le dichiarazioni

«L’associazione è presente e pronta a fianco delle imprese per superare un momento che è difficile – le parole del presidente della Confcommercio Busto e Medio Olona Rudy Collini – non bastano un bel luogo, belle idee e profili professionali. Dobbiamo uscire per creare una rete con gli stakeholder del territorio, a partire dalla squaidra dell’associazione, con il vicepresidente esecutivo Gaetano Spinola, la giunta e i consiglieri».

«Siamo onorati della presenza del presidente Sangalli, è un giusto riconoscimento al tantissimo lavoro che la nostra Ascom fa sul territorio – sostiene il sindaco di Busto Arsizio Emanuele Antonelli – è un pezzo importante della città. Questa sede è la dimostrazione che la Confcommercio locale ha voglia di fare e di svilupparsi sempre di più. Nel nuovo direttivo c’è un entusiasmo incredibile, che ci vuole, guidato da persone di esperienza. Un mix che farà del bene alla città».

«Tutto si evolve ma ha radici profonde – afferma il presidente della Camera di Commercio di Varese Fabio Lunghi, evidenziando le emblematiche postazioni degli uffici in cui passato e futuro si integrano, con le vecchie calcolatrici a fianco delle moderne apparecchiature informatiche – abbiamo vissuto rivoluzioni epocali, ma mai dimenticarsi del valore sociale delle nostre attività».

«Una inaugurazione di grande portata anche simbolica, a conferma del grande investimento in atto, da parte del settore, nella nostra città – aggiunge la vicesindaco e assessore al commercio Manuela Maffioli – investimento a cui noi uniamo i nostri sforzi, per la parte che ci compete, con una presenza e un sostegno formali ma anche concreti, di collaborazione e supporto, ascolto e azione per contrastare il momento di sofferenza di un settore determinante per la vita di una città e del suo contesto».

busto confcommercio sangalli inaugurazione – MALPENSA24