Busto, il commissario Caliendo potrebbe affidare Forza Italia a Gigi Farioli

farioli forza italia centrodestra

BUSTO ARSIZIO – Chi prenderà in mano Forza Italia a Busto Arsizio? La domanda se la stanno ponendo in tanti. Gli assessori e i consiglieri del partito di Silvio Berlusconi a Busto Arsizio. Ma anche la Lega, partito alleato, che al momento non ha un referente politico con il quale dialogare. E il quesito se lo sta ponendo anche il commissario provinciale, Giacomo Caliendo, che è stato di fatto catapultato in una realtà, quella della provincia di Varese, che non conosce e sta cercando di studiare. A livello provinciale, ma anche locale. A Gallarate, soprattutto, dove al momento la situazione politica appare più complessa, ma anche a Busto, poiché anche qui il partito, nella guida cittadina, è stato di fatto decapitato.

Farioli o Arabini?

Caliendo, sabato 18 maggio, al termine di una riunione nella sede di partito a Gallarate ha parlato di continuità. Ma il suo riferimento era più che altro legato alla città dei due galli. Ora bisogna capire se quell’intenzione verrà coniugata anche a Busto. Non tanto nei componenti di giunta, quanto nella conduzione del partito. E se così fosse tutti gli indizi portano a Gigi Farioli, che al momento è l’unico forzista che, per storia e curriculum personale, può caricarsi il peso di un partito, comunque mutilato, sulle spalle. Con meno possibilità, ma comunque nella (numericamente circoscritta) lista c’è anche quello di Miriam Arabini. Possibilità, quelle dell’avvocato e assessore ai Servizi sociali, ridotte all’osso, per via del fatto che il percorso politico  di Arabini, per lo meno quello recente, parla di posizionamento civico. E solo negli ultimi anni, con la campagna elettorale per le Regionali, assume il colore azzurro di Forza Italia. A fianco di Luca Marsico però e solo nella prima parte di una campagna elettorale regionale che di fatto l’ha poi vista correre in solitaria. Con Forza Italia, ma senza un grande sostegno del partito.

Ed è per questo motivo che le quotazioni di Gigi Farioli sono alte. Pare, infatti, che Caliendo, appena nominato commissario, abbia chiesto qualche indicazioni sui referenti forzisti del territorio con cui poter parlare e iniziare a riallacciare il discorso politico. E pare che per Busto abbia ricevuto il contatto di Gigi Farioli, che di fatto, conosce tutta la storia politica del partito a Busto e non solo a Busto.

In ogni caso la scelta è congelata. Almeno fino al dopo elezioni Europee, poiché molto dipenderà sia dalla decisione di Farioli, ma soprattutto dai numeri che verranno fuori dall’urna. Numeri che potrebbero anche dire una verità che molto temono E che nessuno vuol mettere sul tavolo in maniera ufficiale. Ovvero che la storia politica del partito di Berlusconi sia arrivata al game over.

busto forza italia farioli – MALPENSA24