Cassani: «Non sono un eroe, ma sono onesto. Quindi vado avanti»

gallarate cassani testimone pm

GALLARATE – L’arresto dell’assessore all’Urbanistica Alessandro Petrone non farà terminare anzitempo il mandato amministrativo della città di Gallarate. Lo ha detto Andrea Cassani (Lega) oggi 8 maggio in conferenza stampa. Il sindaco ha parlato a poco più di 36 ore di distanza dallo scandalo politico che ha azzerato i vertici provinciali di Forza Italia, un «sistema feudale» – come definito dalla magistratura – che vedeva a capo il gallaratese Nino Caianiello. Ecco i passaggi salienti della conferenza stampa.

Ho dormito tranquillo

Ammetto che ieri nella mia testa è balenata l’ipotesi di rimettere il mandato, perché ritengo un vero schifo il sistema di corruttele che si evince da quanto comunicato dalla Procura. Tuttavia, poi mi sono chiesto: Andrea, tu hai qualcosa da nascondere? No. Tu hai mai preso un centesimo? No. Tu hai mai dovuto pagare un centesimo a qualcuno? No. Hai sempre agito nell’interesse del bene della città? Sì. Hai tentato sempre di ostacolare ciò che non ti sembrava finalizzato a un’utilità pubblica? Sì. In Comune, in Accam, in Alfa. Io stanotte ho dormito tranquillamente perché non ho nulla di cui temere. E non so se ci sono tante altre persone, di Forza Italia, ma anche di altri partiti non necessariamente di centrodestra che possono dormire serenamente. Perché mi dovrei dimettere? Perché qualcuno che nelle carte delle Procura mi dà della testa di cazzo?

Le opposizioni chiederanno scusa

Chi ha letto le carte può chiaramente farsi un’idea di quanto il sottoscritto abbia arginato o tentato di arginare questo sodalizio. Quindi sono certo che non appena le opposizioni approfondiranno maggiormente gli atti dell’ordinanza, che sono pubblicati da alcuni siti di informazione online, probabilmente si dovrà scusare con il sottoscritto. Con ciò non voglio dire di essere un eroe, sono uno dei tanti amministratori che ricopre il proprio incarico facendo tutto nella maniera più corretta e non cercando arricchimento personale.

L’eroe è Sandoni

Di eroe ce n’è uno a Gallarate, Massimo Sandoni, che ha collaborato con la procura per fornire tutti gli elementi che hanno portato alle indagini. Sono invece particolarmente stupito della posizione di Marta Cundari (rientra tra gli indagati, ndr): la ritenevo un baluardo di legalità nel settore Urbanistica del nostro Comune.

Il futuro della giunta

Nel frattempo, io ho parlato con i due assessori di Forza Italia che si dichiarano completamente estranei alla vicenda e come evince anche dall’ordinanza non hanno alcun tipo di coinvolgimento e anzi Carù viene tenuto all’oscuro di alcune decisioni dallo stesso Caianiello. Quindi non ho motivo per mettere in dubbio la loro correttezza e quindi per il momento continueranno a ricoprire i loro rispettivi incarichi. Nelle ultime 24 ore mi sono confrontato con i vertici provinciali e nazionali del mio partito per capire come muovermi e venerdì capiremo politicamente il da farsi.

Ospedale unico

Al netto di quanto dice Danilo Rivolta, se Regione Lombardia vuole continuare noi siamo d’accordo. Reputo ancora una necessità accorpare le due vecchie strutture in un ospedale unico.

 L’ufficio di vetro

Mi fa incazzare che il giorno della sua nomina ad assessore, Petrone disse che il suo ufficio sarebbe stato una casa di vetro. Sapete benissimo che non facevo salti di gioia quel giorno, ma devo dire che in questo anno e mezzo avevo cambiato un po’ la mia opinione su di lui. E’stato bravo a trasmettere un’immagine diversa da quello che in realtà era.

Le società partecipate

E’ un bene che la procura abbia smantellato questo sistema. Caianiello era il dominus di fatto che sedeva ai tavoli delle trattative insieme alle altre forze politiche della provincia per prendere le decisioni più importanti. In Alfa chi si è detto contrario alla nomina di Bratta? Soltanto io. E di Borsani? Ancora io. E chi scrisse ad Accam per l’incarico sulla comunicazione? Io. Passerò per il rompipalle, ma quando vedo qualcosa di poco chiaro provo a capirci di più.

gallarate cassani eroe onesto – MALPENSA24