Il luglio della Pro Patria: il sì di Javorcic e i tigrottini a Busto

BUSTO ARSIZIO – Luglio, col bene che ti voglio lo sai non finirà… ai ai ai iai!…”
Comincia così una delle canzoni simbolo dell’estate italiana della fine degli anni 60. Cinquant’anni dopo, le parole di Riccardo Del Turco e Giancarlo Bigazzi sembrano ritornare d’attualità per il luglio biancoblù targato Ivan Javorcic. Anche se manca ancora la conferma ufficiale dal quartiere generale di via Ca’ Bianca, tutti gli indizi sembrano dare per naturale il prolungamento dell’esperienza sulla panchina tigrotta del tecnico croato, destinato ad entrare sempre più nella storia bustocca, salendo sul podio degli allenatori più longevi della Pro Patria.

Olbia e Pergo salve, Novara avanti

Intanto martedì sera si sono disputate le gare di ritorno dei playout che hanno sancito le salvezze di Olbia e Pergolettese, con i sardi in grado di trovare in trasferta il decisivo gol dell’1-1 con la Giana al 93’ e con i lombardi – sotto di due reti e con un uomo in meno – capaci di rimontare in casa 3-3 la Pianese. Nei playoff invece lo 0-0 fra Novara e AlbinoLeffe consente agli azzurri di accedere al turno successivo insieme all’Alessandria e al Siena (entrambe vittoriose a tavolino su Pro Patria e Arezzo che hanno rinunciato ai playoff).

Giovanili Pro al Busto 81?

Intanto una voce incontrollata rimbalza in città. Poiché fra Busto 81, neo promosso in D, e il Città di Varese, desideroso di acquisirne i diritti, la trattativa sembra in corso, rumors – ripetiamo incontrollati ma proprio per questo non da sottovalutare – non escludono la possibilità che il “Carletto Reguzzoni” di via Valle Olona, stadio intitolato ad una leggenda del calcio tigrotto, possa ritornare… alle origini, venendo cioè destinato alle gare di campionato delle formazioni giovanili della Pro Patria, costrette nella scorsa stagione a migrare fino a Turbigo. Un’ipotesi che toglierebbe l’Amministrazione – che per il Busto 81 così come per le altre realtà sportive cittadine aveva avuto un occhio di riguardo – da un certo imbarazzo di fondo, spianando magari la strada ad un riavvicinamento (magari sotto altre forme) di patron Galli alla first lady bustocca Patrizia Testa. Siamo, lo ribadiamo, nel campo delle ipotesi, ma i sogni di una notte di mezza estate…

Pro Patria Javorcic Busto – MALPENSA