Stand, musica e cabaret per il 90° anniversario dell’ospedale di Cuggiono

cuggiono ospedale anniversario eventi

CUGGIONO – Tre giorni di eventi nel salone d’ingresso dell’ospedale “Santi Benedetto e Gertrude” di Cuggiono per festeggiare il 90° anniversario della sua fondazione. Il programma è stato presentato martedì 3 dicembre nella sala Giunta del Comune dal direttore generale dell’ASST Ovest Milanese, Fulvio Odinolfi, dal direttore di presidio, Eugenio Vignati e dal sindaco di Cuggiono, Maria Teresa Perletti, alla presenza dei rappresentanti della Fondazione onlus degli Ospedali di Abbiategrasso, Cuggiono, Legnano e Magenta. I festeggiamenti si apriranno venerdì 13 dicembre alle ore 16.30 con la Santa Messa celebrata dall’arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini; seguirà, alle 21.00, la rievocazione storica “L’ospedale di Cuggiono: ieri e oggi” a cura del Museo storico civico.

Medici e infermieri a disposizione per informazioni e piccola diagnostica

Sabato 14 e domenica 15 saranno aperti stand con operatori sanitari di tutte le specialità cliniche a disposizione dei cittadini per informazioni e piccola diagnostica. Sabato, alle 15.00, concerto di chitarra del cuggionese Samuele Fontana, promessa della musica classica; alle 17.00, parole e musica dedicate all’Hospice nel suo “decennale più uno”; alle 21.00, cabaret in tema ospedaliero dell’artista Urbano Moffa. Domenica 15, infine, alle 9.30 avrà luogo la “camminata della salute” dal municipio all’ospedale. Le tre giornate saranno allietate anche dal coro della scuola primaria L’Arca di Legnano. «Intorno e dentro l’ospedale – osserva il sindaco Perletti – si è creato un clima unico e familiare. Ci si sente coccolati da infermieri e dottori, è una sorta di famiglia, lo sentiamo nostro. È vero che in passato c’erano più servizi, ma talvolta mediocri; se le persone fanno 20 chilometri per andare a un nuovo supermercato, vale la pena che lo facciano anche per curarsi».

Odinolfi: «Quattro presidi del territorio in sinergia, altro che chiusura»

Le parole del sindaco si riferiscono ai malumori per il trasferimento di alcuni servizi dell’ospedale, che hanno fatto presagire ad alcuni una prossima dismissione dell’intera struttura. «Niente di più falso – rassicura il direttore generale Odinolfi – non c’è nessuna politica di depotenziamento o chiusura reparti. Oggi alcune patologie richiedono strumentazioni costosissime e professionalità che devono avere la possibilità di applicarsi su numeri elevati. Non è più possibile avere in ogni ospedale tutte le articolazioni necessarie, ma occorre che all’interno dello stesso territorio ci sia una sinergia fra le diverse strutture. Anche la gestione quotidiana di alcune terapie va delocalizzata. E proprio la differenziazione dei compiti fra i quattro ospedali dell’ASST è la garanzia della sopravvivenza di ciascun presidio, con scopi e strade diverse ma in forte sinergia fra loro». Odinolfi sottolinea poi come i tre giorni di festeggiamenti «dimostrano il nostro interesse per far sì che l’ospedale di Cuggiono sia parte viva e importante, imprescindibile, di questa azienda e quanto sia da sempre sentito come un ospedale del territorio. Terrritorio che ha risposto con entusiasmo all’iniziativa, a partire dall’amministrazione comunale e con le associazioni locali». Il dg ha infine preannunciate nuove iniziative nella comunicazione dall’anno prossimo, come una newsletter dell’azienda rivolta soprattutto all’esterno di essa, quindi potenzialmente a tutti gli utenti del bacino di riferimento.

cuggiono ospedale anniversario eventi – MALPENSA24